div id='fb-root'/> expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

sabato 19 novembre 2016

Stagione 2 Episodio 36



Guardai Kaileena che aveva la bocca aperta, incredula. - Stai parlando di quel Prometeo? -
Lei non sapeva che fosse Valentine in realtà, non le avevo mai detto nulla. - Credo di si. Il vero nome di Valentine è Atena ed ha la veneranda età di quattromila anni, più o meno. -
Kaileena passò lo sguardo da me a Valentine. - Oh... oh, adesso si spiegano tutte quelle incongruenze nella sua storia: è immortale. -
- Era immortale, ora non lo è più. - le confessai.
- Quindi quando lei... e il fatto che... oh cazzo. Tutto ha davvero un senso ora... - Rimase a pensare tra sé poi rialzò il volto. - Bene, ho capito tutto! - mi sorrise. Rimasi stupido da quanto Kaileena fosse intuitiva, le avevo spiegato due dettagli e lei aveva messo assieme tutti gli altri pezzi del puzzle.
- Ragazze, ho una buona e una cattiva notizia... - ci interruppe Francis. Durante la nostra conversazione aveva fatto delle ricerche su internet.
- Prima quella buona, ti prego! - lo supplicai. Con il periodo no che mi era capitato, avevo davvero bisogno di buone notizie.
- Okay. Poche ore fa sono stati avvistati dei strani tipi che, cito “sembrano usciti da World of Warcraft”, si aggiravano sulla Tulane Ave. - Mi guardò come per darmi conferma che erano loro. - La seconda è pessima, la superluna ci sarà stasera alle otto. - ci disse con tono colpevole.
Ragionai, se, come pensava Francis, erano loro sulla Tulane Ave allora gli serviva un posto tranquillo dove operare il rito. - Cerca gli edifici abbandonati nella zona? -
- Sì, per un rito del genere serve molto spazio, magari un luogo aperto o abbastanza grande... quindi evita case o hotel del Quartiere Francese. - aggiunse Valentine.
- Oh, ho capito. - e si mise a cliccare tasti. Pochi secondi dopo esultò: - Eccolo, il Charity Hospital. È abbandonato dall'uragano Katrina e possiede una hall enorme. Dalle immagini sembra spettrale e credo che nessuno si azzarderebbe ad entrare col buio, almeno non persone normali. - spiegò.
Mi era tornato in mente il rito che aveva fatto Era con la sorella gemella di Jolene, per attuare certi riti servono spazzi ampi e tranquilli, per altri invece serviva pazienza e perseveranza come quello che aveva fatto Emris ad Halloween.
- Valentine, in genere, quanto ci mette un gruppo di streghe a diablare qualcuno? - le chiesi.
Lei ci pensò per un istante. - È una procedura lenta, dalle sei alle otto ore, perché? -
- Perché abbiamo tutto il tempo per prepararci e salvare Thessa prima che sia troppo tardi. - le risposi.
Valentine si mise a ridere. - E come? -
- Quei bastardi sono fortissimi. - esclamò Francis. Notai che aveva la voce tremante.
Ci pensai per un istante, se quel rito era così complesso da richiedere un posto isolato e grande significava che ogni sua parte era fondamentale per una buona riuscita.
- Basterà interromperli stasera. Quel rito necessita di una superluna per funzionare e le superlune non sorgono tutte le notti, giusto? - Feci l'occhiolino ad entrambi.
Jolene posò il suo arco sulla rastrelliera. - Quattro o sei superlune all'anno, ma non tutte sono forti come quella di stasera. - mi rispose. Era completamente sudata e non sembrava per niente calma.
Valentine sbuffò. - Quindi vuoi interrompere il rito e poi salvare con tutta calma Thessa. Rischioso, ma può funzionare. -
Guardai tutti negli occhi, erano tutti d'accordo con il mio piano anche se sembravano poco convinti.
Ci preparammo: io affilai la Honjo Masamune, Francis si riscaldò con le sue spade, Jolene preparò le frecce con la punta in acciaio che aveva ordinato un mese prima e calibrò l'arco compound, Kaileena pulì un paio di calibro quarantacinque, il suo stile di combattimento comprendeva anche l'uso di armi da fuoco.
Alle sette di sera io assieme a Valentine, Jolene e Francis entrammo in macchina e Kaileena con la sua moto nera, e ci mettemmo in viaggio.
Ci avevamo messo mezz'ora ad arrivare, il traffico era poco e la viabilità era scorrevole. Avevamo parcheggiato davanti all'entrata dell'edificio. Il palazzo era immenso e lugubre e i segni dell'abbandono lo rendevano ancora più spaventoso. Aveva una pianta a forma di ferro di cavallo e contava dieci piani. L'intonaco delle pareti era ormai pieno di muffa e si era ingrigito, le finestre erano rotte o scheggiate.
Kaileena scassinò la serratura della recinzione di sicurezza ed entrammo.
- Okay, secondo te dove cazzo sono? - chiese Jolene.
- Sicuramente fuori dagli sguardi indiscreti e soprattutto dove possono osservare tranquillamente la luna. Direi che la hall sarebbe perfetta, ha le vetrate angolate nella direzione giusta... - rispose Valentine osservando la planimetria scaricata da internet.
- Quindi dobbiamo entrare... Ho un brutto presentimento! - borbottò Francis.
Kaileena si mise a scassinare la serratura dell'entrata del palazzo. - Non essere melodrammatico. -
- Neanche a me piace questa situazione ma non abbiamo altra scelta: se quei tizi prendono un acquisiscono un potere come quello di Thessa... - Lo guardai negli occhi, sapevo che aveva capito ma non era ancora sicuro.
Improvvisamente udimmo un boato provenire dall'interno, subito dopo un ronzio aveva cominciò a trapanarci le orecchie. Ci avevamo messo qualche secondo ad abituarci.
Mi spostai verso la strada per vedere cosa stesse succedendo: una colonna di luce si stagliava nel cielo e finiva all'interno del Charity Hospital.
- Che cosa cazzo è? - urlai a Valentine.
Lei aveva gli occhi sgranati. - Il rito... è cominciato in anticipo... hanno quasi finito! - rispose fissando la colonna di luce.



Per chi volesse contribuire in questo modo al blog:
Grazie in anticipo a chiunque voglia farlo ma, soprattutto, non sentitevi assolutamente in obbligo.



Nessun commento:

Posta un commento