div id='fb-root'/> expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

lunedì 30 gennaio 2017

Stagione 2 Episodio 46



Tiffany aveva portato Thessa, ancora scossa, vicino a Valentine, che si era ripresa dallo sforzo mentale che aveva fatto, Jolene e Francis. Io, invece, avevo accompagnato Hirina, con ancora gli occhi arrossati, vicino al resto del gruppo.
- Sembra un sogno, ce l'abbiamo davvero fatta. - sospirò Francis.
Jolene appoggiò la fronte a quella di lui. - A quanto pare sì. Uniti siamo più forti.
Mi schiarii la voce e li guardai. - Ragazzi... - Loro si staccarono e ci guardarono.
- Sì, ma non è stato per niente facile... se non fossero arrivate Tiffany e la sua amica... - provò a dire ma si bloccò guardando verso di me.
Diedi una piccola spinta ad Hirina con il gomito. - Dai presentati. - Le sorrisi.
Lei fece un piccolo passo in avanti. - Ehm... mi chiamo Hirina e sono l'allieva della maestra Tiffany, piacere di conoscervi. - Tirò su col naso.
Jolene la guardò storta. - Hirina? Hai un nome molto comune per una che viene da un'altra dimensione. - Francis le diede una spinta per rimproverarla.
- Per... per diventare allieva devo ricevere un nome da adulta dal io maestro, quindi... - Guardò la sua maestra.
Tiffany sospirò. - E va bene. Le ho dato io quel nome. Era il nome di mia madre... contenti adesso? - Mi fissò imbarazzata.
Le sorrisi amorevolmente. Sapevo che provava n po' di invidia per i rapporto madre-figlia che avevo con Jolene, ma non avevo pensato che avesse colto l'occasione di adottare una “figlia” così facilmente. Ero felice per lei, ora non si sarebbe più sentita troppo inferiore ma una mia pari, ed era quello che volevo anche io.
Valentine si alzò con un po' di fatica e osservò intensamente Hirina. - Hirina, eh?
Le guance della ragazza arrossirono. - D... dimmi. - bofonchiò.
- Che tipo di strega sei? Non ho mai visto un'abilità simile alla tua. - continuò indicando le spade frantumate a terra.
Hirina aveva gli occhi bloccati su quelli di Valentine. - Nel mio clan venivamo chiamate Forgiapietra. Posso manipolare con la mente la terra, radunare e fondere particelle di ferro al loro interno per forgiare armi da mischia di ogni genere o misura. In questo senso il mio unico limite è la fantasia che possiedo. - Spiegò senza mai toglierle gli occhi di dosso.
Oh, mio Dio! Colpo di fulmine, mi disse Evaline. Io mi limitai a ridere.
- Quindi sai manipolare il metallo e la terra col pensiero? - ribadì Valentine sorpresa.
Hirina le si avvicinò. - Sì, è così.
- Ed è una abilità naturale? - continuò Valentine assorta nei suoi pensieri.
La ragazza le prese le mani e si avvicinò ulteriormente, quasi si toccavano. - Esattamente! - rispose con occhi sognanti.
- Ma non ho mai sentito nulla del genere nei miei... - Non riuscì a finire la frase che Hirina le aveva dato un bacio a stampo e l'aveva avvolta tra le sue braccia. Restammo tutti impietriti.
Valentine provò a staccarsela di dosso ma sembrava ancora troppo debole per riuscirci. La cosa mi dava un po' fastidio, Valentine era stata la mia prima ragazza dopotutto, ma allo stesso tempo mi divertiva.
Dopo qualche secondo Hirina si staccò. - Ma che ti salta in mente? - urlò Valentine.
La ragazza le scostò una ciocca di capelli. - Un veggente tempo fa mi ha predetto che l'anima destinata a starmi accanto mi stava aspettando e che l'avrei riconosciuta al colore verde oliva dei suoi occhi, ed eccoti qua. - spiegò.
Questa si che è bella, sorrise Evaline. Potrebbe funzionare come punizione.
Bell'idea!, risposi.
- Sai vero che ci sono moltissime persone con gli occhi come i miei? E poi, se ancora non l'avessi notato, sono una donna. - rimbeccò Valentine.
- Ma a me non importa, il cuore non ha sesso o pregiudizi. - Le sorrise Hirina.
- E poi tu non dovresti fare questo tipo di discorsi Valentine. Hai avuto relazioni con molte donne, tra le quali la mamma. - convenne Jolene.
- Non ha tutti i torti. - fece Tiffany.
Valentine mi guardò speranzosa di trovare sostegno, ma io avevo già un ghigno sul volto, e la sua speranza sparì. - Ho deciso. Valentine, ti prenderai cura di Hirina, mentre Tiffany le sarà da maestra, qualunque cosa voglia dire. - decretai.
Tiffany annuì. - Mi sta bene. - Sorrise.
Valentine mi guardò come un cucciolo bastonato. - No. No, no, no, non esiste. Ti prego. Tutto ma non questo... - protestò.
- Su, su. Non vedi che si è già affezionata a te. E poi devi espiare alle tue colpe e prenderti cura di qualcuno mi sembra una punizione più che giusta. - Le feci l'occhiolino. Lei mi guardò per un istante e poi mi sorrise. Aveva capito cosa intendevo dire.
Mi girai verso il mostro. - A proposito. L'amico tentacoloso qui sarà un grosso problema da spiegare. - feci preoccupato. Una “cosa” del genere in un edificio abbandonato non era per niente una buona idea e soprattutto non sarebbe passata inosservata.
Tiffany mi abbracciò da dietro. - Non c'è problema. Si dissolverà nel giro di un paio d'ore, è fatto interamente di forza vitale senza materia. Guarda. - Indicò le ali del mostro che stavano sparendo come frammenti di cenere dorata.
- Oh, okay. - E le diedi un bacio sulla guancia.
In quel momento, Thessa riaprì gli occhi. Era stordita ma sembrava essersi ripresa dal trauma.
Mi avvicinai e le chiesi: - Stai meglio adesso?
- Sì, grazie. - rispose. Poi si guardò attorno e vide i cadaveri dei suoi persecutori. - Li avete uccisi...
L'abbracciai in modo da non farle distogliere lo sguardo. - Era inevitabile. Tu, però, dovrai vivere una vita piena per ripagare il debito. Me lo prometti?
Le mi guardò per qualche secondo sorpresa, poi scoppiò a piangere, con il singhiozzo. - Te lo prometto! Grazie! Grazie! Grazie! - rispose gettandosi di nuovo sul mio petto e scoppiando a piangere.
Era rimasta sola tutto quel tempo e alla fine era riuscita a trovare noi, un gruppo di sbandate streghe con un senso dell'unione fuori dal comune. Era impossibile che la sua corazza non crollasse come u castello di carte.



  
Per chi volesse contribuire in questo modo al blog:
Grazie in anticipo a chiunque voglia farlo ma, soprattutto, non sentitevi assolutamente in obbligo.



Nessun commento:

Posta un commento